Consigli per un colloquio da cuoco

Le domande che possono capitarti in un colloquio per fare il cuoco

Se stai per affrontare un colloquio di lavoro e vuoi sapere come rispondere alle domande che potrebbero rivolgerti al colloquio di lavoro, qua troverai qualche consiglio!

Vuoi essere in ​​vantaggio rispetto ad altri candidati per lavorare in una cucina di un ristorante o di una catena alberghiera? Allora tanto per iniziare potrebbe tornarti utile sapere che i datori di lavoro vogliono sapere se sai prendere l’iniziativa, gestire i conflitti e le intense giornate lavorative insieme alla tua brigata.

Leggi alcuni consigli.

Vorranno certamente conoscere il tuo background dalle basi, la tua esperienza che hai maturato in cucina.

Potresti dover rispondere a domande quali: puoi portare nuove idee in cucina? Come te la cavi con le ricette più classiche?

Alcune domande che potranno farti in un colloquio come cuoco

Diamo uno sguardo più da vicino alle diverse aree in cui il tuo potenziale datore di lavoro potrebbe concentrare le proprie domande.

Iniziativa

Prendersi la briga di dirigere un comparto e assumersi le proprie responsabilità è una qualità preziosa per molti professionisti, compresi i cuochi. Ad esempio seguire gli ordini e rispondere in maniera tempestiva agli imprevisti. Pertanto, il tuo selezionatore potrebbe fornirti uno scenario ipotetico e chiederti come risponderesti.

Come ad esempio chiederti cosa faresti se notassi che un prodotto è quasi esaurito mentre eri impegnato a svolgere un’attività completamente diversa?

O come procederesti se avessi bisogno di preparare un piatto ma non avessi tutti gli ingredienti necessari? Improvviseresti, o prepareresti un altro piatto, magari chiedendo aiuto ai tuoi colleghi?

Non c’è una risposta giusta (anche se potrebbero essercene alcune sbagliate!). Rispondi semplicemente onestamente. Se hai affrontato una situazione simile nella vita reale, sentiti libero di spiegare cosa è successo e quanto bene ha funzionato la tua soluzione.

I problemi

Non tutti i problemi che un cuoco potrebbe incontrare riguardano direttamente o strettamente la cottura di un piatto. Come gestiresti un infortunio ad esempio di un componente della tua brigata? O uno scontro tra due colleghi che possa influire sull’efficienza della cucina. Se ti stai candidando per una posizione di leadership all’interno della cucina, il tuo potenziale datore di lavoro potrebbe chiederti come gestiresti i reclami.

Anche in questo caso parla delle tue esperienze reali pertinenti. Pensa se hai affrontato una situazione simile allo scenario ipotetico descritto dal tuo intervistatore. Che cosa hai fatto? Come ha funzionato? Ancora una volta, non esiste una risposta giusta. Sii onesto.

Ambiente di lavoro difficile

Le cucine spesso sono ambienti frenetici, con una pressione lavorativa molto alta e con vari elementi di rischio che dovrai gestire. Come ad esempio lo stress, portando quindi i datori di lavoro a porre domande sulla tua performance in circostanze di performance sotto stress. Il tuo selezionatore vorrà sapere se riesci a gestire la pressione e rimanere concentrato e calmo. O se magari riesci a tenere il passo in un ambiente molto competitivo.

Gli argomenti finali del colloquio di lavoro per fare il cuoco o lavorare in una cucina di un ristorante o di una grande catena alberghiera saranno la sicurezza e la pulizia. Sei in grado di mantenere il tuo posto di lavoro sicuro e pulito per il tuo bene, dei tuoi colleghi e dei tuoi clienti?

Riassumendo

Oltre alle domande specifiche per il colloquio di lavoro per cui ti sei candidato, ti verranno anche poste domande più generali sulla tua storia di lavoro, istruzione, punti di forza, debolezze, risultati, obiettivi e piani. Sii pronto a rispondere.

Contattaci

Via di Tor Vergata, 325 - 00133 Roma

Chiamaci      Scrivici

Seguici

P. IVA: 08334751214 | Iscrizione Albo Informatico ANPAL 0000115.16-07-2019
Sviluppato da ThinkNow.